seo.bastardo Forum Generale Come eliminare Referral Spam per il mio sito per la SEO? Rispondi a: Come eliminare Referral Spam per il mio sito per la SEO?

#1801
decaptcher
decaptcher
Partecipante
  • Messaggi totali: 49

Ciao @m1keone,

nel tuo caso purtroppo la soluzione citata non è completa. I suggerimenti elencati nell’articolo sono corretti in parte, ma consigliano di usare .htaccess come metodo migliore per bloccare i referral spammosi, metodo non efficace per risolvere il tuo problema.

Esistono alcuni spam referral chiamati “Ghost Referral”, che non hanno bisogno di visitare il tuo sito per tracciare una visita nel tuo account di Google Analytics.

Pensaci bene, in che maniera riesce il tuo .htaccess a bloccare i referral spammosi?

Analizzando diversi elementi della richiesta HTTP (IP, Dominio, ecc.).

Se uno spammer non visita mai il tuo sito, come diavolo fa .htaccess a bloccarlo?

Esatto, non può!

A questo punto, abbiamo due tipi principali di SPAM:

BOTS

Li puoi bloccare con .htaccess ed è facilissimo distinguerli dal momento che ti basta analizzare i log del web server per scoprire se esistono richieste da parte del Bot.

GHOST REFERRALS

Non puoi bloccarli con .htaccess perché non visitano il tuo sito. Un articolo completissimo a riguardo, in inglese, lo trovi qui:

Understanding and eliminating referrer spam in Google Analytics

Tutti i metodi principali per evitare i ghost referrals li trovi nell’articolo. Ecco un riassunto dei due principali:

A) Usare filtri in Google Analytics. Stesso metodo consigliato nell’articolo che hai condiviso, ma occhio, non puoi sostituire i filtri con .htaccess (per le ragioni che ti dicevo prima). Inoltre è abbastanza ingestibile come metodo nel lungo termine.

B) Creare una nuova proprietà nel tuo account di Google Analytics, in maniera tale che l’ID sia UA-XXXXXXX-2

La maggior parte degli script automatizzati che generano i Ghost Referrals che vedi mandano le visite verso ID random che finiscono con il numero 1, quindi usando una proprietà diversa dovresti evitare il problema (fino a quando i sistemi degli spammer non saranno cosi potenti da rendere infime le risorse sprecate per targetizzare altre proprietà invece che solo la prima).

Ma la cosa più importante, come fanno questi spammer a sporcare i tuoi dati di analytics senza visitare il tuo sito?

Niente di più semplice in realtà. Esistono differenti metodi, ma non è una coincidenza che la proliferazione di questi spammer sia cominciata dopo la pubblicazione del measurement protocol da parte di Google.

Il measurement protocol è un insieme di regole/funzionalità che stabiliscono come inviare dati al tuo account di Google Analytics con una semplice richiesta HTTP effettuata da qualsiasi dispositivo, per facilitare il tracciamento di conversioni offline per esempio.

Inviare dati ad analytics ogni volta che alzi la tazza del cesso? Puoi farlo con il measurement protocol.

Inviare dati ad analytics ogni volta che prendi una birra dal frigo? Puoi farlo con il measurement protocol.

Inviare dati ad analytics ogni volta che indossi un preservativo? Beh…forse non dovresti farlo, ma con il measurement protocol non è un problema.

Se hai bisogno di più dati, esempi e informazioni chiedi pure, ma credo che la prima parte di questo post risponda alla tua domanda. E comunque non devi preoccuparti, non è un attacco targetizzato per te, e qualcosa che succede a tutti, ti consiglierei semplicemente di non visitare i siti che trovi nei referral SPAM, non si sa mai.

Saluti!